È possibile consultare i modelli 730/2018 e REDDITI PF 2018 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate

Da ieri, circa 30 milioni di contribuenti, o soggetti delegati, possono consultare on line la propria dichiarazione precompilata (modelli 730/2018 e REDDITI PF 2018). Questo è quanto annunciato dall’Agenzia delle Entrate, con un comunicato stampa datato 15 aprile, che ufficializza l’inizio della stagione delle dichiarazioni dei redditi 2018.

Per accedere ai modelli 730/2018 e REDDITI PF 2018 precompilati, resi disponibili dall’Agenzia tramite l’apposito sito, i contribuenti possono utilizzare:
– il Sistema pubblico per l’identità digitale (SPID);
– le credenziali dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Fisconline);
– il pin rilasciato dell’INPS;
– le credenziali di tipo dispositivo rilasciate dal Sistema Informativo di gestione e amministrazione del personale della Pubblica Amministrazione (NoiPA);
– la Carta Nazionale dei Servizi.
Per i contribuenti, è, inoltre, prevista la possibilità di rivolgersi a un CAF o professionista abilitato, oppure al sostituto d’imposta che presta assistenza diretta.

Una volta effettuato l’accesso, è possibile visualizzare i dati della dichiarazione precompilata così come predisposta dall’Agenzia delle Entrate, con le informazioni relative ai  redditi, agli oneri detraibili e deducibili, ai versamenti, agli acconti o eccedenze presenti nell’Anagrafe tributaria o comunicate dai soggetti obbligati.

In particolare, per quanto riguarda i nuovi dati riguardanti gli oneri e le spese detraibili, sono presenti, oltre a quelli già resi disponibili negli scorsi anni, anche quelli relativi:
– alle spese di frequenza degli asili nido;
– alle erogazioni liberali nei confronti delle ONLUS, delle associazioni di promozione sociale, delle fondazioni e associazioni riconosciute aventi particolari scopi statutari (tutela, promozione e valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica).

Un’ulteriore novità di quest’anno riguarda l’introduzione, a partire dal 2 maggio, della possibilità per i contribuenti di compilare in modo “assistito” i dati relativi agli oneri detraibili e deducibili da indicare nelle sezioni I e II del quadro E del modello 730.
Di conseguenza, i contribuenti che intendono modificare la propria dichiarazione 730, dopo aver visualizzato i dati degli oneri comunicati dai soggetti terzi, utilizzati o non utilizzati per l’elaborazione della dichiarazione, possono scegliere tra due modalità di compilazione delle sezioni I e II del citato quadro E:
– la modalità “tradizionale”, ossia inserire o rettificare direttamente gli importi degli oneri sostenuti riportandoli nei relativi campi del quadro E;
– la modalità “assistita”, ossia inserire i nuovi documenti di spesa non presenti oppure modificare, integrare o cancellare i dati degli oneri comunicati dai soggetti terzi.
I dati aggiunti o rettificati sono poi inseriti in via automatica nel quadro E della dichiarazione dei redditi. Questo sistema di compilazione assistita può essere utilizzato anche per le spese sostenute per i familiari a carico.

Dopo la consultazione, i contribuenti potranno accettare o modificare i dati fiscali, così come resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate, a partire dal 2 maggio.
Successivamente, sarà possibile procedere con l’invio delle dichiarazioni precompilate a partire:
– dal 2 maggio, per i modelli 730 precompilati;
– dal 10 maggio, per i modelli REDDITI PF precompilati.

A partire dal 28 maggio, invece, è possibile annullare il modello 730 precompilato già inviato e presentare una nuova dichiarazione tramite l’applicazione web. Questa facoltà può, tuttavia, essere esercitata solo una volta e fino al 20 giugno 2018.

Ancora, i contribuenti che si avvalgono dell’applicazione web devono presentare i modelli 730 precompilati all’Agenzia delle Entrate entro il 23 luglio.
A tal proposito, si ricorda che il 23 luglio costituisce anche il termine di presentazione del modello 730 a un CAF o a un professionista abilitato: a seguito delle modifiche apportate dalla L. 205/2017, infatti, detto termine è stato posticipato, rispetto alla precedente scadenza del 7 luglio, risultando, quindi, allineato a quello previsto per i contribuenti che, avvalendosi della dichiarazione precompilata, provvedono direttamente all’invio telematico del modello 730 all’Agenzia delle Entrate.

Un canale on line dedicato all’assistenza dei contribuenti

In ultimo, l’Agenzia mette a disposizione dei cittadini un sito internet dedicato, all’indirizzo https://infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it, dove sono presenti tutte le indicazioni utili, i passi da seguire fino all’invio, le novità di quest’anno, le date e le scadenze da ricordare, oltre alle risposte alle domande più frequenti.
Inoltre, sono sempre disponibili i numeri dell’assistenza telefonica (848.800.444 da rete fissa, 06 966.689.07 da cellulare e +39 06.966.689.33 per chi chiama dall’estero).

Fonte: Eutekne.info