Le informazioni sono utilizzate dall’Agenzia delle Entrate per la registrazione dell’aiuto nel relativo Registro nazionale

Di Pamela ALBERTI

Nel quadro RS dei modelli REDDITI 2019 è stato inserito (righi RS401-402) il nuovo prospetto denominato “Aiuti di Stato”, che deve essere compilato dai soggetti che, ai sensi dell’art. 52 della L. n. 234/2012, indicano nella dichiarazione aiuti di Stato e/o aiuti de minimis. Le informazioni contenute nel prospetto rilevano ai fini della registrazione degli stessi da parte dell’Agenzia delle Entrate nel Registro nazionale degli aiuti di Stato.

Riepilogando brevemente la normativa di riferimento, l’art. 52 della L. 234/2012, integralmente sostituito dalla L. 115/2015, ha apportato sostanziali modifiche in materia di monitoraggio e controllo degli aiuti di Stato, istituendo presso il Ministero dello Sviluppo economico il “Registro nazionale degli aiuti di Stato” (www.rna.gov.it) e stabilendo che esso venga utilizzato per effettuare le verifiche necessarie al rispetto dei divieti di cumulo e di altre condizioni previste dalla normativa europea per la concessione degli aiuti di Stato e degli aiuti de minimis.
Con il DM 31 maggio 2017 n. 115 è stato quindi adottato il Regolamento recante la disciplina per il funzionamento del Registro nazionale degli aiuti di Stato
Il citato art. 52 prevede che l’adempimento degli obblighi di utilizzazione del Registro costituisca condizione legale di efficacia dei provvedimenti di concessione ed erogazione degli aiuti.
I provv. Agenzia delle Entrate nn. 125594/2019 e 184656/2019, che hanno integrato, rispettivamente, le istruzioni al modello REDDITI PF e le istruzioni al modello REDDITI SC e SP 2019, hanno specificato che l’indicazione degli aiuti nel prospetto è necessaria e indispensabile ai fini della legittima fruizione degli stessi.

Tanto premesso, come precisato dalle istruzioni alla compilazione del modello REDDITI 2019, il prospetto nel quadro RS denominato “Aiuti di Stato” deve essere compilato dai soggetti che nel 2018 (soggetti “solari”) hanno beneficiato di:
– aiuti fiscali automatici (aiuti di Stato e aiuti de minimis);
– aiuti fiscali subordinati all’emanazione di provvedimenti di concessione o di autorizzazione alla fruizione, comunque denominati, il cui importo non è determinabile nei predetti provvedimenti ma solo a seguito della presentazione della dichiarazione resa a fini fiscali nella quale sono dichiarati (disciplinati dall’art. 10 del DM 31 maggio 2017).
Il prospetto va compilato anche dai soggetti che hanno beneficiato nel periodo d’imposta di aiuti fiscali nei settori dell’agricoltura e della pesca e acquacoltura, da registrare nei registri SIAN e SIPA.
Come evidenziato dalle istruzioni, il prospetto deve essere compilato con riferimento agli aiuti di Stato i cui presupposti per la fruizione si sono verificati nel periodo d’imposta di riferimento della dichiarazione.

Le istruzioni precisano, altresì, che il prospetto deve essere compilato anche con riferimento agli aiuti già indicati nei relativi quadri del modello REDDITI 2019 (ad esempio, nel quadro RF o nel quadro RU).
Nel prospetto vanno indicati anche gli aiuti di cui si intende beneficiare che non sono espressamente previsti nei rispettivi quadri del modello REDDITI (utilizzando per ciascuno di essi il codice residuale 999).

Il prospetto va compilato anche in caso di aiuti maturati nel periodo d’imposta di riferimento della dichiarazione (quindi nel 2018, per i soggetti “solari”), ma non fruiti nel medesimo periodo.

Ai fini della compilazione del prospetto in commento, le istruzioni al modello REDDITI 2019 contengono una tabella – riportata in calce all’articolo – con indicazione degli aiuti di Stato interessati dalla disposizione in commento, con i relativi codici identificativi.

Con riferimento alla natura delle principali agevolazioni, si segnala che rientrano tra gli aiuti di Stato, ad esempio, il bonus investimenti nel Mezzogiorno di cui all’art. 1 comma 98 ss. della L. 208/2015 (cfr. art. 1 comma 107 della L. 208/2015) e la detrazione/deduzione per investimenti in start up innovative di cui all’art. 29 del DL 179/2012 (cfr. circ. Agenzia delle Entrate n. 16/2014).

Non hanno invece natura di aiuti di Stato – e non andranno quindi indicati nel prospetto in esame – i super-ammortamenti e gli iper-ammortamenti (cfr. circ. Agenzia delle Entrate nn. 23/2016 e 34/2016, § 7), nonché il credito d’imposta per la ricerca e sviluppo di cui all’art. 3 del DL 145/2013 (circ. Agenzia delle Entrate n. 5/2016, § 6).

Codice aiuto Descrizione Norma
1 Regime forfetario di determinazione del reddito imponibile delle imprese navali Artt. da 155 a 161, TUIR
2 Detassazione dei proventi di cui alla lett. g) del c. 1 dell’art. 44 del TUIR derivanti dalla partecipazione ai Fondi per il Venture Capital Art. 31, D.L. n. 98/2011
3 Deduzione/Detrazione IRPEF/IRES per investimenti in Start-Up innovative Art. 29, D.L. n. 179/2012
4 Deduzione/Detrazione IRPEF/IRES per investimenti investite nel capitale sociale delle PMI innovative Art. 4, D.L. n. 3/2015
5 Esenzione parziale del reddito derivante dall’utilizzo di navi iscritte nel Registro internazionale Art. 4, c. 2, D.L. n. 457/1997
6 Detassazione di contributi, indennizzi e risarcimenti percepiti dai soggetti che hanno subito danni per effetto degli eventi sismici verificatisi nel centro Italia a far data dal 24 agosto 2016 Art. 47, D.L. n. 189/2016
7 Deduzione della quota, non superiore al 3% degli utili netti annuali, versata dalle imprese sociali a fondi specificamente ed esclusivamente destinati alla promozione e allo sviluppo delle imprese sociali Art. 16, D.Lgs. n. 112/2017
8 Non concorrenza alla formazione del reddito imponibile delle imprese sociali delle somme destinate al versamento del contributo per l’attività ispettiva di cui all’art. 15 del d.lgs. n. 112/2017, nonché delle somme destinate ad apposite riserve ai sensi dell’art. 3, commi 1 e 2 del predetto decreto Art. 18, c. 1, D.Lgs. n. 112/2017
9 Non concorrenza alla formazione del reddito imponibile delle imprese sociali delle imposte sui redditi riferibili alle variazioni effettuate ai sensi dell’art. 83 del TUIR Art. 18, c. 2, D.Lgs. n. 112/2017
10 Non concorrenza alla formazione del reddito d’impresa nella misura del 40% dei redditi derivanti dalla locazione di alloggi sociali Art. 6, c. 1, D.L. n. 47/2014
11 Detrazione IRPEF riconosciuta ai coltivatori diretti e agli IAP di età inferiore ai 35 anni, nella misura del 19% delle spese sostenute per i canoni di affitto dei terreni agricoli diversi da quelli di proprietà dei genitori Art. 16, c. 1-quinquies.1,TUIR
12 Non concorrenza alla formazione del reddito imponibile della quota di utili destinata dalle società cooperative di consumo e dai loro consorzi ad aumento del capitale sociale Art. 17-bis, c. 1, D.L. n. 91/2014
13 Non concorrenza alla formazione del reddito d’impresa del 40% dei redditi derivanti dai contratti di locazione con clausola di trasferimento della proprietà vincolante per ambedue le parti e di vendita con riserva di proprietà di alloggi sociali Art. 8, c. 5-bis, D.L. n. 47/2014
14 Non concorrenza alla formazione del reddito di lavoro autonomo del 90% degli emolumenti percepiti dai docenti e dai ricercatori che abbiano svolto attività di ricerca o docenza all’estero e che vengono a svolgere la loro attività in Italia Art. 44, D.L. n. 78/2010
15 Non concorrenza alla formazione del reddito complessivo del 50% del reddito di lavoro autonomo e d’impresa prodotto in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio dello Stato Art. 16, D.lgs. n. 147/2015
16 Esenzione parziale del reddito derivante alle imprese armatoriali che esercitano la pesca oltre gli stretti e, nel limite del 70%, a quelle che esercitano la pesca mediterranea Art. 6-bis, c. 1, D.L. n. 457/1997
17 Esenzione parziale del reddito prodotto dalle imprese che esercitano la pesca costiera, nonché alle imprese che esercitano la pesca nelle acque interne e lagunari Art. 2, c. 2, L. n. 203/2008
18 Detassazione di contributi, indennizzi e risarcimenti percepiti dai soggetti che hanno subito danni per effetto del crollo ponte Genova Art. 3, c. 2, D.L. n. 109/2018
19 Riduzione dei redditi prodotti in franchi svizzeri e/o in euro nel comune di Campione d’Italia Art. 188-bis, TUIR
50 Credito d’imposta Finanza sociale/Banche Art. 77, c. 5 e 10, D.Lgs. n. 117/2017
51 Credito d’imposta Investimenti beni strumentali ex L. 208/2015 Art. 1, c. 98, L. n. 208/2015
52 Credito d’imposta Investimenti beni strumentali/Sisma Centro-Italia Art. 18-quater, D.L. n. 8/2017
53 Credito d’imposta Investimenti beni strumentali/ZES Art. 5, c. 2, D.L. n. 91/2017
54 Credito d’imposta Formazione 4.0 Art. 1, c. 46-56, L. 205/2017
55 Credito d’imposta Esercenti impianti distribuzione carburante Art. 1, c. 924-925, L. 205/2017
56 Credito d’imposta Recupero contributi SSN Art. 1, c. 103, L. 266/2005
57 Credito d’imposta Investimenti pubblicitari Art. 57-bis, D.L. 50/2017
999 Altri aiuti di Stato o aiuti de minimis diversi da quelli sopra elencati
Fonte: Eutekne.info